Biciclettando per le terre di Federico

Please, enter (St)

Foggia – SOTTO il sole del Tavoliere, l’area verde ed azzurra che, un tempo, dovette essere orgoglio dell’imperatore Federico e sollazzo degli Angioini, pare ancora più piana del reale. Sterminata. Tanto grande quanto grande doveva essere il fascino che esercitava, nel Medioevo, agli occhi increduli e sbigottiti di nobili e filosofi, di Santi e camminatori, di tentati e tentatori. Siamo grossomodo in località San Lorenzo in Carmignano. UN nome glorioso. Che, quasi quasi, provoca qualche brivido. Scava che ti scava, i proprietari delle villette semi-abusive (se non altro per i ripetuti pugni negli occhi che sferrano alla decenza) sorte in queste zone, hanno trovato “ninnoli” fin troppo simili a reperti. Qualcuno li usa come ferma porte, qualcun altro le tiene negli spiazzi.

Spreco made in Foggia, dove l’urbanizzazione coatta e forzata impone la sua santa spada sulla spalla indignata della Storia meno recente. E’ vecchio, il refrain. Ergo, inutile.

IL PANTANO CHE FU. In quella piana depressa, compressa fra strade e raccordi, fra ferrovie e piloni grigi in costruzione, in quella piana dove vagò il cuore di Re Enzo, il sole del Duecento, ma anche qullo del Cento, del Mille e chissà di quanti altri secoli e millenni addietro, si rifletteva sulle acqua del Pantano. A dirla così viene da pensare ad una pozzanghera laida e fangosa, popolata d’insetti e null’altro. Ed invece era lì che, con tutta certezza, il Puer Apulie, lo Stupor Mundi, il Saffenkoenig – come l’aristocrazia illuminata tedesca aveva ribattezzato Federico, il Re dei Preti – dava sfogo ai suoi ozi. Nella domus solaciorum dauna, in quell’angolo così simile ai sollazzi siciliani e tanto arabeggiante. Lì, la proiezione fisica del potere, tutta federiciana, s’allentava in una morbida estetica del gusto. Intellettualmente stimolante e così bella che, ancora durante il regno di Roberto D’Angiò, malgrado le costruzioni sveve stessero cadendo in rovina, nobili e non solo, rischiavano la pelle per cacciarvi anche solo una volta. Si narra, lo dice anche Hasselhoff, che lo stesso Tommaso d’Aquino, bramasse sostarvi anche solo per un tempo limitato. Per vivere lì, circondato tra le mura fatte erigere dall’Imperatore morto a Fiorentino, anche solo una parte del suo tempo di pensatore. Fra la fitta vegetazione popolata di daini ed uccelli, animali selvatici, con tante piccole isolette su cui si ergevano le più modeste case della servitù della corte itinerante dello Svevo.

IL TRATTURO. Di quella poesia perfetta, non resta che un modesto abbozzo di natura. Tanto più adesso che, qualche intempestivo intervento umano, l’apertura delle paratie della diga di San Giusto, l’otturazione dei canali della bonifica, hanno ostruito il defluire delle acqua al mare. Ed eccolo ritornare quel pantano che fu gloria del passato. Piantato nel grande prato, ormai spoglio, Masseria Pantano deruta come sfondo patetico, anche una parte del tratturo ciclabile (per quel che ci interessa qui) che unisce Foggia con il santuario dell’Incoronata. In verità, per questa settimana, ci concentreremo su questo primo tratto, per focalizzare la nostra attenzione su questa parte di città che, appunto, va da Masseria Pantano alla circonvallazione cittadina.

La storia non si cancella: il Pantano (St)

5645 PASSI. L’imbocco del tratturo, al termine di Via Ghandi, è un sintomo, un preludio, una predizione di quanto regna all’interno. Piloni in cemento e rifiuti, carte svolazzanti come bandiere tese al vento che danzano nell’aria e s’afflosciano, in un caschè doloroso, fra gli steli delle margherite in fiore. Alte come persone, resistenti come partigiani urbani contro lo spadroneggiare edilizio. E’ un colpo di colore, una botta di vita che risponde il suo al degrado. L’ambiente è pasoliniano. Palazzine di periferia stanno a braccetto con cantieri esfolianti. Stradoni più inutili di un freezer al Polo Sud. Un cartello, forse l’unico suppellettile attualmente in buono stato di conservazione, recita le rime dei tratturelli: Foggia-Ordona-Lavello e Troia-Incoronata. “Lunghezza Km 10,50=Passi 5645”.

A due colori (St)

TERRA DEL FURTO. Poi, ad eccezione di un primo tratto discreto, allungato come una lingua grigia tra erbe e fiori, un panorama che, a destra come a sinistra rende orgogliosi di vivere in pianura, senza pendii a fare ombra ed a provocare asma d’ansia e costipazione, la catastrofe. Quel che è natura, e che lo sarà ancora per poco, dato che, proprio in questi pressi, è in costruzione l’ambiziosa Cittadella dello Sport, progetto all’interno del quale, per oscuri misteri edilizi foggiani, svettano anche due strutture residenziali (c’è da dire che, nei pressi, c’è un invenduto da far accapponare la pelle), si riduce a brandelli. Non più i pesci e gli uccelli, i daini e le cicogne (da qualche tempo avvistate in queste zone), ma scarti. La bici la prendi e la lascia. Si è costretti a salire e discendere. Ci starebbe bene, qui, un tragitto con i fiocchi. Ed invece è sterrato, dossi e fossi e sassi. Le guaine dei cavi trafugati da tutta Foggia e provincia, eccole finire qui ed esservi cremate in un atto che nulla ha di religioso. Se lo ci si ferma ad ammirare, e lo si fotografa, crea un contrasto che fa spettacolo ed insieme tristezza. Il verde dei campi, l’azzurro dell’acqua, il bianco e nero delle ceneri. E’ un odore acre di fumo. I cavi sono stati appena bruciati, il lavoro è recente. E’ sapore della beffa. Insieme, scarti di mattoni foratini, mobili da bagno, rimasugli di cucine in disuso.

QUELLA PROSTITUTA DI MATTONI. Tornando verso la città, Pantano sbattuta in faccia, sbilenca ai bordi della visuale, pare una prostituta dal rossetto sbavato e truccata capestramente, frettolosamente, indegnamente. La pista-tratturo-strada-sterrato-chissachediamineè è un sentieri di guerra. Le lucertole sgusciano , rapide di fronte alle ruote gommate. Ti scortano, come volessero avvertirti: “Non andare oltre”. Ogni quattro, cinquecento metri, bisogna scendere. Una bici da passeggio, di quelle classiche, non potrà, in queste condizioni, avere l’onore di percorrere questo straccio di città. Che, tra l’altro, visto l’utilizzo non deve neppure essere particolarmente sicuro. Di certo, non è strada da crepuscolo o da mattina presto. Figurarsi di notte.

Paesaggio pasoliniano (St)

INFINE, IL CANTIERE. Ed allora monta la rassegnazione consapevole che sì, violenza è anche questo. Questi pneumatici abbandonati a decine tra il fogliame, questi cavi di plastica, questa mobilia, questo legno che, a sua volta, dovette essere albero di chissà quale altro pantano, in giro per l’Italia, per l’Europa, per il mondo. Alla fine, passo dopo passo, si sbuca nei pressi di un cantiere. La terra non è più terra, ma per metà asfalto, per metà terriccio. battuto per consentire ai camion di caricare e scaricare. Probabilmente nel mezzo di questo parco che non è più Pantano, non è più dimora imperiale, non è più neppure se stesso.

[Con la fattiva collaborazione di Tony Dembech, associazione Cicloamici di Foggia]

STATO QUOTIDIANOhttp://www.statoquotidiano.it/15/04/2011/biciclettando-nelle-terre-dello-stupor-mundi/46510/

Restiamo umani. Comunque. Ciao Vittorio

Un cuore,
due mani,
un cuore pulsante e una mente ancora funzionante.
Due occhi abbastanza profondi per mettere a fuoco l’ingiustizia a portata di mira dei cecchini.
Due mani ancora funzionali per accarezzare cuccioli d’uomo figli spersi di un allah minore,
e un cuore aritmico che pompa sangue per una mente poco incline all’indifferenza dinnanzi alla tragedia.
Sono vivo, ma questo potrebbe essere tranquillamente il video della mia uccisione:


Quando un proitettile (anche di rimbalzo) vi sfiora una tempia,
vi assicuro è come riceve una sberla a mano aperta da un peso massimo,
qualcosa in grado di mettervi al tappeto.
Così due giorni fa, a Khozaa, accompagnando agricoltori palestinesi (noi e loro visibilmente tutti civili disarmati) a lavorare nelle loro legittime terre,
ad una distanza di circa 600 metri dal confine snipers israeliani hanno cercato di ammazzarmi.
I proiettili hanno colpito a meno di mezzo metro da dove mi trovavo. Uno di questi a meno di centimetri dal mio viso.
Qualche giorno prima, nonostante la presenza di internazionali,
gli stessi snipers avevano ferito Mohammad al-Buraim, un contadino sordomuto.

Vi prego di prendere visione di questi video e di diffonderli sulla rete.

Parlano chiaro di cosa sia l’assedio israeliano agli occhi di chi non a orecchie per sentire le grida di dolore di questi innocenti quotidianamente macellati
“dall’unica democrazia del medioriente”.
A chi non a naso per non sentire il tanfo di fascismo dietro le maschere di vittime di chi a Tel Aviv muove questi killer vestiti da soldati verso il massacro di gente indifesa,
via terra:
http://www.youtube.com/watch?v=9nkcYaqhpng
come via mare:
http://www.youtube.com/watch?v=tu8lGTPaMzk
http://www.youtube.com/watch?v=87NrkNV_owM

http://www.youtube.com/watch?v=yTUYivihoTE

Torneremo presto di nuovo ad accompagnare i contadini palestinesi sui loro campi,
coscienti che morire se per alcuni è questione di sopravvivenza,
per altri un tiro a segno come per puro svago.
restiamo umani.
Vik
ps.
ringrazio tutti coloro,
i molti che hanno versato anche un poco per contrubuire al nostro attivismo in difesa dei diritti umani violati sopra queste lande mortificate.
Le testimonianze di sostegno e vicinanza sono il nostro stimolo ad andare avanti, nonostante i timori e le minacce di chi ci vorrebbe eliminare.
(Il testo risale al 2009 ed è di Vittorio Arrigoni. Adesso il suo blog sarà muto, una stilla di verità silenziosa, ferma al 13 aprile…
Per la cronaca: Vittorio, cooperante, giornalista senza titolo e senza titoli – come ogni vero giornalista non ne aveva bisogno, non avendo intenzione di mentire, indi, di farsi difendere dalla chiusa casta dell’Ordine – è stato impiccato. Le forze di Hamas hanno provato a liberarlo, facendo irruzione nel nascondiglio dei salafiti che l’avevano catturato. Due di loro sono stati arrestati. Era già tardi. Vittorio era morto. Tutta la Palestina piange)
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: